Le Notizie in mano agli Utenti.

Le Notizie scritte dagli utenti per gli utenti.

Salento in Bus. E si arriverà anche in Aeroporto!

salentoinbusDal 1° giugno, con un anticipo di 15 giorni rispetto alla partenza dello scorso anno, piuttosto travagliata, e addirittura 25 prima rispetto all’anno ancora precedente, è ripartito il servizio “Salento In Bus” e la novità annunciata a suo tempo dalla Provincia è il collegamento con l’aeroporto di Brindisi. Quattro mesi di importanti trasporti (il termine, infatti, è fissato per il 30 settembre), che saranno intensi ed intensivi con le più importanti località del Salento e le loro marine.

Lo aveva già confermato, non più tardi di un mese fa, il consigliere provinciale delegato alle Politiche della Mobilità, Renato Stabile che, in una dichiarazione rilasciata a Palazzo dei Celestini, anticipava: “Stiamo ultimando gli ultimi dettagli, e nei prossimi giorni avremo la conferma definitiva sulla partenza del servizio. È sempre una questione legata alle economie che si riescono a stanziare, ma siamo ottimisti sulla buona riuscita dell’operazione”

Palazzo dei Celestini, sede della Provincia di Lecce e della Prefettura, infatti, ha a disposizione una cifra per i trasporti iscritta in Bilancio, che deve però comprendere anche il servizio scolastico da e per le scuole del Salento durante l’anno scolastico, e che si aggira sui 5 milioni di euro. Molto confortante è comunque la situazione per questa stagione 2017, che è iniziata bene e a pieno ritmo, per muoversi da un capo all’altro del territorio salentino: in sostanza, “Salento in Bus” consente ai turisti di raggiungere le principali località turistiche e balneari della zona (Otranto, Gallipoli, Santa Maria di Leuca) e le aree costiere ad alta densità abitativa stagionale (Porto Cesareo, Torre dell’Orso dove sorgono importanti villaggi turistici, litoranea Gallipoli Sud, litoranea Santa Cesarea, Castro, Santa Maria di Leuca) anche senza la necessità di disporre di un mezzo proprio, con praticità ed economia.

Il servizio, si articola su 9 linee principali, differenziate attraverso i colori che richiamano quelli del logo di “Salento d’Amare”, il marchio di promozione e sviluppo della Provincia di Lecce, integrate da altre secondarie di interesse locale, le quali consentono ai viaggiatori di raggiungere non soltanto le località turistiche e balneari ma anche tutti gli altri siti dell’intero territorio salentino, incluso quindi l’entroterra.

Gli orari di ciascuna linea sono stati pianificati in modo da garantire l’integrazione con i mezzi a lunga percorrenza da e verso il capoluogo di Provincia, poiché si è tenuto conto delle partenze ed arrivi dei treni presso la stazione ferroviaria di Lecce e dei bus che la collegano con gli aeroporti di Brindisi e Bari. Non solo: le navette saranno gestite direttamente dalla Provincia e permetteranno di raggiungere in modo veloce l’aeroporto di Brindisi, sicuramente con grande soddisfazione dei turisti finora spesso costretti a dover ricorrere a mezzi privati o a servizi di taxi per raggiungere l’aerostazione.

Renato Stabile aveva poi annunciato un’ulteriore novità interessante: un ampliamento dei collegamenti, attraverso delle corse dirette verso altri comuni delle provincie limitrofe. Definiti gli ultimi accordi necessari, mancano ancora alcuni passaggi, ma il progetto prevede la possibilità di integrare i trasferimenti provinciali con altre corse per raggiungere i maggiori comuni del Tarantino e del Brindisino, ampliando le fermate anche oltre il confine provinciale.

Una vera e propria offerta a 360° che, siamo certi, convincerà sempre più turisti a utilizzare un servizio comodo ed efficiente ed economico. L’obiettivo è quello di battere ogni record di affluenza, specie rispetto ai due anni precedenti quando, nel 2015, in soli due mesi furono 600.000 i viaggiatori dei pullman, mentre già l’anno scorso furono superati gli 800.000 clienti.

 

Category: Turismo

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*