Le Notizie in mano agli Utenti.

Le Notizie scritte dagli utenti per gli utenti.

Il turismo mondiale scopre la Calabria

praia-a-mare-2019031_640

Non è una novità, e lo sentiamo sempre dire: l’Italia è bella, tutta, da Nord a Sud: si mangia bene, si sta bene, e non a caso una delle principali risorse economiche è proprio l’industria del turismo. Lo sappiamo, dunque: ma, quando il riconoscimento arriva a livello internazionale, specie da un giornale autorevole, la soddisfazione è davvero tanta, adeguata al prestigio della classifica e della competizione.

Qualche anno fa era stata la città di Napoli, meta preferita dei turisti anglosassoni, ad essere scelta come “città più bella d’Italia” dalla classifica del Telegraph: questa volta, invece, per premiare le bellezze d’Italia è stata scelta tutta una regione, la Calabria, classificata niente di meno che dal New York Times, che l’ha inserita fra le 52 mete nel mondo assolutamente da visitare durante l’anno in corso.

La Calabria, dunque, come unica destinazione italiana, è posizionata al 37simo posto in questa speciale graduatoria che vede, fra le prime dieci, incantevoli luoghi in Canada, Cile, Botswana, Messico, Perù, Giappone ed altre bellezze mondiali.

E se si pensa che le citazioni, e relative posizioni in classifica, per mete europee sono pochissime (due località in Croazia e Spagna, e una a testa per Svizzera, Germania, Inghilterra, Svezia, Francia, Cipro, Portogallo, Grecia, Ungheria), il traguardo raggiunto dalla nostra Calabria, diventa ancor più prestigioso, importante e soddisfacente, anche perché di solito questa regione viene indicata più per i suoi “difetti”: basti pensare alla carenza di infrastrutture, o, purtroppo, alla criminalità: ci hanno dovuto pensare gli americani a farci scoprire i molteplici “pregi” di questa meravigliosa terra del Sud, ricca di natura, storia, tradizioni, buon cibo.

Ed è stato proprio quest’ultimo ad alzare l’asticella della valutazione: il cibo, dunque, e tutto il patrimonio enogastronomico che ne consegue, con particolare rilevanza alle pietanze piccanti, cucinate con il principe degli ingredienti tipico proprio di questa regione, sua maestà il peperoncino! E, primato mondiale che non tutti conoscono, quello relativo alla  produzione di bergamotto, nonché genuini e gustosi prodotti da agricoltura biologica e, buon ultimo, il vino corposo.

Grazie a questa segnalazione americana, si diffonde l’apprezzamento per il potenziale turistico, culturale e gastronomico della Calabria, al punto che anche la Cina le riconosce una certificazione governativa di Pechino, la Welcome Chinese, con cui si inserisce nell’importante mercato cinese del turismo, beneficiando del sostegno della China Tourism Academy: a breve, verso la fine del prossimo mese di giugno, arriverà in Calabria una delegazione cinese, composta da tour operator e giornalisti, avente lo scopo di conoscere meglio il territorio, assaporarne di persona gusti e tradizioni per poi proporli ai turisti cinesi che, sempre di più, sono attratti dalle bellezze paesaggistiche della regione, ma anche culturali e, appunto, gastronomiche.

Mai come in questo caso, dunque, possiamo dire che “la Cina è vicina”, e ben venga dunque il rinnovato entusiasmo per questa splendida terra del nostro Sud, ricca di risorse di ogni genere, riconosciuta tale a livello mondiale e che trasforma ogni calabrese doc nel miglior marketing turistico di se stesso e del proprio territorio: il lancio turistico dovrà essere attento alla valorizzazione delle risorse umane ed alla loro gestione, nonché al miglioramento delle strutture di accoglienza, al fine di meritare e mantenere la posizione prestigiosa internazionale, tramite il miglioramento della qualità dei collegamenti e della cura dell’ambiente.

Si preannuncia un futuro turistico molto allettante per la regione, soprattutto per le numerose strutture turistiche tra cui hotel e villaggi (qui un villaggio per famiglie in Calabria) che potranno approfittarne accogliendo nuove fette di mercato.

Category: Prodotti

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*