Le Notizie in mano agli Utenti.

Le Notizie scritte dagli utenti per gli utenti.

Anemia: i cibi da mangiare e quelli da evitare

cibo per anemia-mediterranea

 

La carenza di ferro è un tipo di condizione comune a molte persone, di conseguenza esistono diete improntate in maniera esclusiva a sopperire a tale problematica.

 

Come nasce l’Anemia

L’anemia, altrimenti definita come carenza di ferro, si sviluppa con dei sintomi che possono variare da persona a persona ma vi sono anche sintomi comuni a tutti, tra cui:

  • La stanchezza
  • Il pallore
  • Le occhiaie
  • Unghie fragili
  • Giramenti di testa
  • Respiro affannoso
  • Talvolta battito cardiaco accelerato

Se il calo del ferro è a stadi evoluti i sintomi possono peggiorare notevolmente portando scompensi all’intero sistema immunitario.

 

Anemia come si sviluppa e come nasce

Si può essere predisposti geneticamente o l’anemia può insorgere in determinati momenti della vita di una persona.

Nel secondo caso vi è alla base un calo appunto del ferro nella dieta che si sta seguendo, oppure nel caso delle donne, l’anemia spesso è associata al ciclo mestruale: se questo è abbondante può generare appunto periodi che vedono un calo di ferro, mentre nel primo caso tale calo è strutturale.

Ovviamente si possono eseguire specifici test per verificare il livello del ferro e capire se si è anemici. Occorre effettuare un semplice prelievo al fine di monitorare l’emoglobina nel sangue e questa verrà misurata prendendo come riferimento dei valori standard che per le donne devono essere superiori ai 12 grammi e per gli uomini maggiori di 13.

Ma non contano solo tali valori: questi si sommano anche a quelli della sideremia che corrispondono a quanto ferro circola nel corpo, e i parametri di riferimento in questo caso sono:

  • dai 53 ai 167 microgrammi per decilitro di sangue negli uomini
  • dai 49-151 microgrammi per decilitro di sangue nelle donne

 

La Dieta da fare

Dopo aver considerato il quadro generale soffermandoci sull’anemia dal punto di vista medico, andiamo a vedere una dieta che possa aiutare a superare tale problematica temporale o genetica.

Gli ingredienti da tenere a mente ve li elenchiamo a seguire:

  • legumi
  • pesce azzurro
  • patate
  • cacao amaro
  • fegato

 

Ecco invece i cibi che occorre evitare:

  • latticini
  • caffè e tè
  • uova
  • cioccolato
  • vino rosso
  • pomodoro

Ora conoscete gli alimenti ma ciò potrebbe anche non bastare, in effetti ci sono stati, e ci saranno casi nei quali tali alimentazioni possono anche non sortire gli effetti sperati e quindi come regolarsi se ciò dovesse avvenire?

Esistono gli integratori alimentari, e specificatamente gli integratori di ferro che in molti casi possono appesantire l’organismo ma vanno a compensare sulla dieta, questa comunque non dovete abbandonarla ma unicamente integrarla, scusate il gioco di parole, appunto con questi prodotti.

 

La natura aiuta

Un’ultima dritta sugli integratori è quella delle erbe che apportano effettivi benefici contro l’anemia, a seguire le elenchiamo:

  • il tarassaco
  • l’ortica
  • la barbabietola
  • l’aneto

Potete anche farci dei piatti, basti pensare al riso con ortica, buono, salutare e poco pesante!

 

Category: Salute

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*